Chiudi

Accesso riservato ai partecipanti alle VEQ

Dahfne

Ricerca & sviluppo DAHFNE
(standardization of Diagnostic Approach in Heart Failure with Normal Ejection fraction)

Per la diagnosi dello scompenso cardiaco e per il trattamento e il monitoraggio dei pazienti si utilizzano sia misure di biomarcatori circolanti che tecniche di imaging basate su ultrasuoni (ecocardiografia). La standardizzazione delle determinazioni biochimiche eseguite in laboratorio e delle procedure di ecocardiografia rappresenta un obiettivo importante per il miglioramento della diagnosi, della stratificazione del rischio e della cura di questi pazienti. Può quindi risultare di grande interesse sviluppare conoscenze e strumenti operativi necessari al processo di standardizzazione, utilizzando un approccio multi-marker.

In Medicina di laboratorio, il controllo di qualità è già largamente presente e, nel caso dello scompenso cardiaco, si tratta di estendere e di adattare ai relativi parametri biochimici (marcatori cardiaci di danno, di rischio e di funzione), i programmi di Valutazione Esterna di Qualità già operativi in numerosi altri settori del laboratorio. Per quanto riguarda invece le tecniche di imaging, la cultura del controllo di qualità è scarsamente diffusa e le procedure e gli schemi di controllo per ridurre la variabilità intra- ed inter-osservatore sono in larga misura da definire.

Recentemente, lo spin-off QualiMedLab/CNR in collaborazione con l'Istituto di Fisiologia Clinica del CNR di Pisa ha elaborato il progetto di ricerca DAHFNE (standardization of Diagnostic Approach in Heart Failure with Normal Ejection fraction) con lo scopo di realizzare e di validare un sistema di controllo di qualità indirizzato ad una patologia (lo scompenso cardiaco), piuttosto che ad una tecnologia; il progetto è cofinanziato dalla Regione Toscana nell'ambito del POR CReO FESR 2007-2013 per il sostegno ai progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale congiunti tra piccole e medie imprese e organismi di ricerca in materia di salute.

Questo schema multimarker è applicato oltre che ai biomarcatori (BNP, NT-proBNP, Troponine e Catecolamine), anche alla diagnostica per immagini con ultrasuoni, dove i valori indicanti la "performance" degli operatori e della strumentazione di imaging sono ricavati dalla valutazione di immagini e/o di sequenze video sulle quali i centri partecipanti allo studio effettuano misure e forniscono interpretazioni.

^ Torna su